Birra a 80 centesimi e menù da 2 euro e 50: le 10 destinazioni di viaggio più economiche del 2017

Manca poco alle vacanze di Pasqua. Mare o montagna? È questo l’eterno dilemma quando si tratta di scegliere una meta, ma questa volta vi invitiamo a considerare altri aspetti legati all’euro.

Se ancora non avete ben chiaro dove andare, vi suggeriamo alcune tra le destinazioni più economiche del 2017 presenti in una classifica stilata dall’agenzia di viaggi britannica Hoopa. Per comporre l’elenco sono stati considerati alcuni parametri come ad esempio il costo di una bottiglia di vino o di una camera d’albergo. Oltre ad essere mete economiche le città che vi andremo a descrivere sono ricche di fascino e vi permetteranno di godere appieno del meritato riposo.

Ho Chi Minh (Vietnam)
La “vecchia” Saigon è la più grande del Vietnam (8,5 milioni di persone). Il soggiorno nella città vietnamita si aggira sui 62.48 euro, secondo lo studio di Hoppa. Moderna e tradizionale allo stesso tempo, rimarrete stupiti per la grande quantità di moto che circolano per le strade (circa 5 milioni). Apprezzerete la grande ospitalità dei suoi abitanti, la cultura impressionante del caffè, e il delizioso cibo servito per le strade.

Cracovia (Polonia)
Centro culturale della Polonia, è una delle città medievali più belle d’Europa che organizza festival musicali durante tutto l’anno. Pullula di vita studentesca per via delle sue 15 università. Una destinazione slow life senza dubbio ad un costo accessibile (62.44 euro a persona al giorno, secondo il report di Hoppa). Se vi piace la montagna, ad un’ora di distanza vi sono i Monti Tatra, che separano il paese dalla Slovacchia. La Polonia è anche conosciuta per le sue terme e le sorgenti d’acqua calda (vicino a Cracovia, nella città di Zakopane vi sono piscine geotermiche e la stazione termale “Bania”).

LEGGI ANCHE  Fumo, tabagismo e cancro: le cifre in Italia e nel mondo

Kampala (Uganda)
Economica (61.81 euro al giorno), relativamente sicura e con condizioni igieniche accettabili, la capitale dell’Uganda, non è così frenetica e caotica come altre città africane. Immancabile una passeggiata lungo il colorato mercato ortofrutticolo Nakasero. Provate il cibo tipico, il matooke (banane verdi cotte) e il popolare luwombo, uno stufato di pollo, manzo e salsa di arachidi.
Per regalarvi una buona scarica di adrenalina ed ammirare allo stesso tempo uno scenario incredibile, prenotate una sessione di rafting sulle rapide del Nilo Bianco. Terra di gorilla, l’Uganda è anche terra di uccelli: qui vive l’11% di tutte le specie del mondo, secondo i dati del National Environment Management Authority (NEMA).

Kuala Lumpur (Malesia)
Prezzi accessibili (in media si spendono 61,32 euro al giorno) e luogo ideale per ossigenare i polmoni considerata la presenza di una delle più antiche riserve forestali del paese: la selva pluviale Bukit Nanas nel bel mezzo della città, dove potete dar sfogo alla vostra creatività fotografando l’esotica flora e fauna.
E siccome si tratta di una città asiatica, non può mancare un sano massaggio. Una proposta per i più audaci: assaggiate il frutto che ha l’odore peggiore del mondo, ma che è super nutritivo: il durian (Durione in Italiano) che riconoscerete per la buccia piena di spine piuttosto spesse. Evitare di andare in questa città ad aprile o novembre, poiché le inondazioni sono molto frequenti.

Sliema (Malta)
Situata sulla costa nord-est dell’isola, vanta la bellissima spiaggia di Las Rocas, lunga quasi 2,5 km, dove potrete prendere il sole di fronte al Mediterraneo. Un’altra valida alternativa: nuotare nelle limpide acque delle piccole piscine naturali, molto frequentate dai maltesi che praticano lo yoga. Costo per persona a notte: una media di 61, 23 euro.

LEGGI ANCHE  La recensione del Nokia 3310: l’inaspettata sorpresa del MWC 2017

Città del Messico (Messico)
Immancabile un’ escursione alle piramidi di Teotihuacan che conta 238 gradini. Acquistate frutta, spezie e verdure al mercato di La Merced e unitevi ai gruppi canterini mariachis in Piazza Garibaldi. Chiudete gli occhi e assaggiate gli insetti ricchi di proteine, come le cavallette, escamoles (larve e pupe delle formiche), vermi Maguey e formiche Chicatanas. Costo: 59,93 euro, secondo Hoppa.

Manila (Filippine)
Manila nasconde importanti tesori da scoprire risalenti a tantissimo tempo fa. E’ una città dalle mille sfaccettature, con molti luoghi da visitare senza ricorrere a una cartina. Vi riempirà di emozioni. Potete inoltre visitare i numerosi parchi naturali e praticare sport acquatici come lo snorkeling. Immancabili le escursioni nell’entroterra. Ed è anche economica: si spendono in media 55.52 euro al giorno. Muoversi nei colorati taxi collettivi, costa sui 2,75 euro, secondo Hoppa.

Bucarest (Romania)
Uno delle principali specialità di questa città è l’uva, quindi non potete non assaggiare un bel bicchiere di vino rosso. Se volete rendere la vostra vacanza romantica noleggiate una barca sul lago del parco Herastrau o organizzate un bel pic-nic. Una bottiglia di vino in un ristorante costa solo 5,98 euro; il costo del soggiorno si aggira sui 51.90 euro.

Il Cairo (Egitto)
La magia delle piramidi, il bazar labirintico Khan el-Khalili e il Museo Egizio sono le principali attrazioni di Il Cairo. Potete inoltre ammirare il tramonto lungo il Nilo sfuggendo al trambusto della città, rilassarvi e godere del panorama e del silenzio circostante. Inoltre, è una città molto, molto conveniente: spenderete circa 46.25 euro al giorno.

Sofia (Bulgaria)
Secondo la classifica di Hoopa è la città più economica in assoluto, 45.20 euro al giorno. Un pasto per due costa circa 20 euro e prendere un taxi poco più di 2 euro. Pur essendo conosciuta come una città poco sicura, vale la pena visitarla per i suoi edifici storici, i reperti archeologici, la vita notturna e lo stretto contatto con la natura sul monte Vitosha dove vengono organizzate numerose attività all’aria aperta. Dovete assolutamente provare lo yogurt, per alcuni il migliore al mondo, o acquistare un profumo o una crema a base di Rosa Damascena, la più comunemente usata nei cosmetici (la Bulgaria è conosciuta come la terra delle rose) per le molteplici proprietà curative.