La recensione del Nokia 3310: l’inaspettata sorpresa del MWC 2017

Se ne parlava già prima della presentazione ufficiale, ma il grande interesse che ha suscitato la riedizione del leggendario cellulare Nokia non era previsto. Avrà davvero tanto successo? Molto dipenderà da ciò che il Nokia 3310 sarà in grado o meno di fare. Quali sono quindi i pro ed i contro del nuovo 3310?

Il Nokia 3310 con display monocromatico e di piccole dimensioni, è tornato, ma reinventato, e senza dimenticare il suo passato. Il nuovo telefono di Nokia, prodotto dall’azienda finlandese HDM, rende omaggio a quello classico, che tanto ha fatto parlare, in tutti i sensi, ma include alcune caratteristiche che lo rendono un dispositivo unico nato per convertirsi nel nostro secondo telefono cellulare.

Perché il Nokia 3310, non è arrivato per essere il nostro principale telefono, ma quello in grado di tirarci fuori dai guai quando il nostro moderno smartphone con risoluzione QHD e 6 pollici, rimane senza batteria, o si rompe in maniera irreversibile. Il design del nuovo Nokia 3310 si appella alla durata e alla resistenza di quello originale, e per questo è stato progettato secondo i canoni di quello classico, anche se meno pesante e un po’ più sottile.

Il telefono conserva il suo caratteristico schermo, ma abbandona la monocromia e la risoluzione 84×84 per offrirne una di colore 2.4 pollici e con una risoluzione QVGA. Potremo divertirci ancora col classico gioco “Snake” e questa volta a colori.

Non è uno Smartphone

Il Nokia 3310 non è uno Smartphone e non è arrivato per competere con altri prodotti alternativi del mercato, nemmeno con quelli low-range. Il telefono non è nemmeno provvisto di touch-screen. Salta subito agli occhi che non è lo stesso del suo predecessore, messo in vendita nel 2000, ma ciò non gli impedisce di mantenere gran parte della sua essenza originale. Continua ad avere un design compatto (misura poco più di 115 millimetri in altezza), una schermata con tastiera fisica e la “carcassa”, di plastica naturalmente, è rimovibile.

LEGGI ANCHE  Le destinazioni più sconosciute nel mondo che vale la pena visitare

Esistono tre tipologie di utenza cui potrebbe interessare il Nokia 3310: anziani, persone che hanno bisogno di una telefono di emergenza e coloro che sono disposti a rinunciare allo smartphone per tornare ad un uso più semplice del telefono. Il ritorno del Nokia 3310 ha creato molte aspettative, e la domanda che ci poniamo è se riuscirà a farsi posto nel mercato o se semplicemente, tutto questo entusiasmo, è dovuto alla nostalgia del suo predecessore. Magari dipenderà da ciò che sarà in grado o meno di fare.

Pro e contro del Nokia 3310

Cominciamo dai vantaggi.

E’ resistente: è più robusto degli smartphone moderni sebbene non indistruttibile. Il suo principale punto debole è lo schermo che è meno spesso dell’originale, quindi se prende un colpo, addio cellulare. Tuttavia essendo TFT risulterà molto più conveniente ripararlo, e questo è un punto a favore.

Durata della batteria: è la caratteristica che lo avvicina di più all’originale. Se viene utilizzato come telefono di scorta, non sarà necessario ricaricarlo ogni due, tre giorni, potete usarlo intensivamente anche per una settimana intera senza problemi. Lo schermo a colori prevede un certo consumo energetico, ma ha un impatto ridotto sulla durata della batteria. Naturalmente questa è estraibile.

Display a colori: la società produttrice ha optato per un display TFT a colori, molto più accattivante, anche se con risoluzione molto limitata. Non sarete in grado di vedere video ad alta definizione, ma almeno, sarà possibile consultare foto e video di qualità mediamente accettabile.

Prezzo accessibile

Il prezzo del nuovo Nokia si aggira sui 50 euro. Vi sfidiamo a trovare un telefono con caratteristiche simili ad un prezzo inferiore.

LEGGI ANCHE  Le dieci sostanze letali contenute nelle sigarette

Svantaggi

Senza Wi-fi, né 3G, né 4G
Supporta solo il 2G.
Non avrà Facebook, WhatsApp e tutte le app previste da un comune smartphone.
E’ dotato di macchina fotografica da 2 megapixel. Dimenticatevi di selfie, foto panoramiche e di giocare a fare i fotografi.

La recensione di The Verge