Royal Wedding, cinque cose da sapere sul matrimonio di Harry e Meghan

Per gli amanti del gossip “regale” si tratta dell’evento dell’anno, per il futuro dell’Inghilterra un matrimonio che potrebbe essere importante nella successione alla regina Elisabetta, al principe Carlo e a William. Mancano ormai pochissimi giorni al secondo Royal Wedding del Regno Unito. Il principe Harry sposerà l’attrice Megan Markle il prossimo 19 maggio. Su questo matrimonio è stato detto e scritto molto, ma ci sono alcuni aspetti che non sono noti a tutti i curiosi delle vicende legate alla famiglia regnante in Gran Bretagna. Ecco le 5 cose più particolari.

La scelta di Windsor per celebrare il matrimonio

Non si poteva non cominciare dalla location: Harry e Meghan si sposeranno nella cappella di Windsor. Una scelta insolita, meno accogliente dell’Abbazzia di Westminster e della cattedrale di Saint Paul. Solo 800 gli ospiti che assisteranno tra i banchi della chiesa alla cerimonia ufficiale, molti meno dei 2000 che poteva ospitare Westminster e dei 3500 posti della capienza della Saint Paul Cathedral. Al termine della cerimonia, nessun bacio “regale” sul balcone, ma una parata che colorerà le strade di Windsor. Particolare anche la scelta del giorno. Secondo le indiscrezioni, infatti, il principe Harry e la sua futura consorte volevano sposarsi di venerdì, ma il Governo non avrebbe accettato la scelta per non proclamare la giornata di festa nazionale.

La scelta del wedding planner

Un matrimonio regale, di tale portata, stranamente non sarà organizzato da un wedding planner. O quanto meno, non ce ne sarà uno ufficiale. La coppia ha infatti rifiutato l’opzione di Michael Fawcett, ex valletto di Carlo che avrebbe irrigidito l’intero cerimoniale. Meghan ha quindi chiesto il supporto di una stilista canadese, Jessica Mulroney, che si è già occupata dei fiori e della mise en place. L’unico elemento di continuità riguarda le partecipazioni, visto che sono state affidate ancora una volta alla Barnard & Westwood, che dal 1895 supporta la famiglia reale per gli inviti di ogni tipo. Ci sarà però una prima volta d’eccezione. Per la prima volta nella storia del Regno Unito, al nome della sposa sarà anteposta la sigla “ms”, per indicare che Meghan Markle è già stata sposata.

LEGGI ANCHE  Fumo, tabagismo e cancro: le cifre in Italia e nel mondo

L’addio al celibato regale

Il passato di Harry imporrebbe una festa a base di night club, locali e alcol. Per la festa “regale” che anticipa il matrimonio, il più piccolo dei figli di Diana Spencer ha scelto di affidarsi al fratello William e all’amico Tom Inskip. Le alternativee al momento sembrano le nevi svizzere di Verbier o un weekend tra caccia, whiskey e sigari a Devon. Al contrario l’addio al nubilato di Meghan si svolgerà all’insegna della bellezza. Le 14 ospiti saranno coccolate dalla Soho Farmhouse, una spa di extra lusso, ma potrebbe essere in programma anche un’altra festa nel cuore di Londra con un numero di invitati più cospicuo.

Paggetti, damigelle e testimoni

I due figli di William, George e Charlotte, saranno ovviamente protagonisti della cerimonia. Il “royal baby” sarà il paggetto ufficiale, la sorella più piccola sarà una delle damigelle, probabilmente quella deputata a lanciare i fiori prima dell’ingresso in chiesa. Non ci sarà, invece, il terzo royal baby, quello che dovrebbe nascere a breve, che sarà affidato alle cure della tata spagnola Maria Borrallo. Ancora mistero sui testimoni del matrimonio. William potrebbe aver scelto il fratello William, ma il ruolo potrebbe essere affidato all’amico storico Guy Pelly. Tre, invece, le opzioni per la testimone della sposa: la maid of honor sarà una tra Jessica Mulroney – già incaricata di organizzare la cerimonia – la giornalista Pryanka Chopra e la compagna di studi di Megan Lindsay Roth.

La festa: menù regale, colonna sonora moderna, costi stratosferici

C’è tanta curiosità anche per quel che riguarda la festa. Il pranzo sarà offerto dalla regina Elisabetta a Windsor, mentre la cena sarà a carico del principe Carlo, papà dello sposo, nella vicina Frogmore House. I pasti principali dovrebbero essere decisamente tradizionali e in “salsa british”, visto che tra i papabili per il catering c’è Ebbi Buchmann, già incaricato per il matrimonio di William e Kate. Tra i vini, non potranno mancare le prestigiose bottiglie francesi, a cui si affiancherà il Tignanello in onore di Meghan Markle. Per la torta, invece, nulla di insolito. Non ci sarà il dolce di frutta candita di prassi, né il dessert alla banana che tanto adora Harry, ma Claire Ptak di Violet Cakes proporrà un dolce al limone e fiori di sambuco ricoperto di crema al burro e fiori edibili. Non sarà senza dubbio un dessert leggero da “digerire”, ed è per questo che la colonna sonora sarà a metà tra il revival e la modernità. Le Spice Girls figurano infatti nella lista degli invitati per il party di Frogmore House, ma probabilmente faranno solo un omaggio agli sposi. Ad intrattenere gli ospiti dovrebbe quindi essere Ellie Goulding, ex flirt del principe William e autrice del brano più famoso di 50 sfumature di grigio, Love me like you do. Clamorosa, invece, l’assenza di Elton John, che ha già rivelato di essere stato snobbato dal principe e non canterà. Mancheranno anche i politici: non ci sarà quindi Theresa May e neppure Michelle e Barack Obama, inizialmente inseriti nella lista di invitati. Cerimonia e feste costeranno alla Casa Reale 2,3 milioni di euro. Una spesa importante, a cui si affiancheranno altri 35 milioni utilizzati per la sicurezza dell’evento e i curiosi 30mila euro da destinare ai salatini alla salsiccia offerti agli ospiti fuori dalla cappella di Windsor. Al termine del matrimonio, quindi, la regina Elisabetta pagherà molto più di quanto speso nel 2011 per la cerimonia di William e Kate, ma la spesa più importante è giustificata delle massicce misure di sicurezza.